Contatti

Puoi contattarmi al mio numero di cellulare 

(+39) 348 0504389 

oppure via posta elettronica a

info@nadiarte.it


Nadia BargagnaCome il noto sassofonista Fausto Papetti si rese famoso nel mondo a cavallo degli anni 70-80 arrangiando musiche di autori famosi, altrettanto io da pochi anni ho cominciato a fotografare quadri di autori più o meno importanti che hanno come unico filo conduttore quello di essere in grado di accendere la mia ispirazione.


Il primo passaggio, dopo l’acquisizione fotografica, è quello di ingrandire tale foto con fotocopie della grandezza di cm 50x70 circa. Il secondo passaggio è quello di ricalcare tale fotocopia su stoffa; dopodichè inizio a stendere i miei colori, come farebbe un qualsiasi pittore, colori che non sono dati da pastelli, olio o acquarelli, ma da fili, fili da ricamo (matassini DMC o PROFILO).


Il punto che applico è tra un punto Erba e un punto Pittura; io più comunemente lo chiamo punto Nadia, perché faccio dei punti un pochino più lunghi della norma quando il lavoro lo consente. In talune occasioni applico i punti Catenella, Seme, o Vapore.


La mia particolarità è quella di usare un solo filo per volta. Ogni opera mi costa 8-9 mesi di lavoro, (700-750 ore lavorative) per lavori che presentano particolari difficoltà realizzative. Quando arrivo alla fine di ogni opera, se la medesima me lo consente mi appassiona decorarla con piccole bigiotterie o passamanerie, in modo da impreziosire ulteriormente il lavoro.


Da circa venti anni mi sono avvicinata al mondo del ricamo. All’epoca, ero molto affascinata dall’intaglio, mi ricordava le tende di mia nonna, tende che avevo sempre visto durante tutta la mia infanzia. Per caso avevo conosciuto una signora che stava imparando questa tecnica, così vedendo lei, iniziai anch’io a fare delle prove, prove naturalmente non esenti da errori che ho corretto in seguito grazie all’aiuto di persone più competenti, infatti da circa 10 anni faccio parte di una associazione di ricamatrici, (Associazione Pisana Ricami e Arti Femminili).


L’intaglio non è una tecnica difficile, però come tutti i ricami, la difficoltà sta nella precisione.
Così con il tempo sono riuscita a ricamare le tende per la casa che tanto desideravo ricorrendo a disegni presi anche da ceramiche artistiche. Dopo questo periodo, durato 3-4 anni, sono passata al Punto Croce con dei lavori sempre più complicati, non tanto per il punto che è piuttosto semplice, quanto per i disegni scelti di notevole grandezza, ricchi di molteplici sfumature e per l’applicazione di perline.


Ho realizzato infatti svariati Angeli Vittoriani, disegni provenienti dagli Stati Uniti d’America. Per realizzare tali lavori, mi sono occorsi vari mesi; sono lavori che oggi hanno un certo valore non solo per le ore lavorative, ma anche per i materiali usati (disegno, stoffa, cotoni, perline).


Quando finisco un lavoro, se conosco il nome dell’autore dell’opera originale, metto la mia firma accanto alla sua (es. Nadia in Salgado, Nadia in Picasso).